Where is the Future? Insights from the Italian EPUB Day, Sept 2014

January 21, 2015

Where is the Future? This was the  focus of the Editech EPUB Day organized by the Italian Publishers Association, devoted to the EPUB ecosystem and its future developments (Italian version below). The EPUB Day  had representatives from all of the Italian community working in this field - e-book designers, digital editors, developers, digital experts, web content managers and senior executives – a unique chance to interact directly with representatives from the most important international organizations working on standards development and to provide them the points of view and the specific needs of the Italian publishing market.

This sold-out event was attended by more than 60  delegates representing the most innovative Italian publishing houses active in different market sectors (trade, academic, education). Over the course of two days there was an opportunity to  study, share and  discuss  in detail the evolution of the EPUB ecosystem, allowing the participants to collaborate  with invited international experts and their Italian colleagues, exploring doubts and insights.

In such a dynamic and innovative environment as H-Farm, one of the most important European start-up incubators, the participants had the chance to bring to the working groups their own experiences and visions, discussing the most compelling topics, thanks to the presence of Bill McCoy (IDPF and Readium Foundation), Markus Gylling (IDPF and DAISY Consortium) Hadrien Gardeur (Feedbooks and Readium Foundation) Colin Smythe (IMS Global) and Graham Bell (EDItEUR). Each attendee joined two working groups and, at the end of the event, shared the outcomes with their colleagues.

 

EPUB 3 Reading System Solution

This working group, led by Bill Mccoy, analyzed the critical issues and the publishers’ desiderata  concerning apps and reading systems available for EPUB 3. Starting with  the assumption that the EPUB 3 format with HTML5 is able to offer a solution for many of today’s publishing problems, the discussion focused on the problem of reading systems and their ability to support all the potentials  of the EPUB 3 format. The group also  considered the required characteristics a reading system should have in order to satisfy the needs of tomorrow’s publishers: an open source model which provides – beside APIs, system plug-ins and a widget gallery, an SDK starter kit for the creation of multi-apps, using a shared language; a model accessible to everyone, able to guarantee usability and allow engagement through social sharing, guarantee advanced features such as the semantic search for titles and simple DRM management. The discussion  finished on the problems related to the integration of this standard in continuous evolution within Content Management Systems and Distributions Systems.

Metadata and Discoverability

This  group led by Graham Bell (EDItEUR) identified the main actions required in order to use editorial metadata in a correct, effective and profitable way within the different production phases.
It was pointed out that  the creation of bibliographical records of metadata, which describe and accompany books and e-books within the digital supply chain, needs to be a dynamic process of continuous update originating with the publisher and involving the different participants in the supply chain. That’s why it’s important to integrate (or hire) professional figures able not only to use technical tools, such as the metadata standard ONIX for Books, but also to know the product and give meaning to it. The analysis eventually focused on schema.org, a tool that enriches the value of the metadata on the Web.

EPUB 3 and EDUPUB: State of the Art and Evolution

EDUPUB is a profile of the EPUB 3 standard aimed at the production and distribution of education content, developed by IDPF in order to fulfill the specific needs of educational publishing. The group, led by Markus Gylling (IDPF and DAISY),  has focused on  education, academic and children’s publishers working with complex layouts. The participants discussed how EDUPUB can offer standard solutions to include interactive elements within a document – making available an open source packaging for widget, guarantee advanced interoperability in order to share notes through different platforms, allow different versions of the same content based on metadata and defining predictable models of content thanks to the support of additional semantic elements like dictionaries.

Production Tools: EPub 3 e-book Creation

This working group, led by two Italian moderators, Paolo Casarini (Il Mulino) and Lina Gusso (Pearson, Italy), provided an overview of  EPUB 3 authoring tools available on the market - InDesign, Inkling, Aquafadas, Atlas, PubCoder – and other “self-made” tools developed by Pearson UK. The discussion moved to the analysis of the workflow of the different publishing houses which, in most of the cases, are still EPUB 2 oriented. Among the desiderata for authoring software were: an open source EPUB 3 authoring tool, different from InDesign.

Digital Distribution and DRM

Hadrien Gardeur (Feedbooks)  opened the working group with a  description of the steps leading publishers from content creation to  distribution through different sales channel with interoperability as final goal. The aim of the group was the discussion of the main issues related to digital distribution: the characteristics of distribution models for publishers and retailers, the ONIX standard, the concrete problems faced in this phase, the discussion of feasible solutions and business models. Among the many topics discussed, the areas which raised  most questions were e-lending models, accessibility, DRM and piracy.

Using EPUB3 / EDUPUB within an LMS-mediated Learning and Teaching Approach

The core of this discussion, led by Colin Smythe (IMS Global),were the problems related to the effective integration of EPUB 3/EDUPUB within LMS, with a particular focus on the technological standards supported by the IMS Global Learning Consortium. The brainstorming began with the comparison between the solutions available in the Italian market. If the multiplicity of the  options  delivers cultural richness it’s  also true to say that the fragmentation and the lack of processes,interoperability and standardization of the tools prevents the product’s eventual successful use. The common impression was that sharing problems and solutions will help the market.

This article was originally published on «Giornale della Libreria», December 2014

 

Editech EPUB Day Format di Innovazione

La due giorni di Editech a H-Farm è stata un’importante occasione di confronto sull’editoria digitale ma anche l’opportunità di sperimentare un nuovo format di evento

Editech è un appuntamento ormai consolidato tra le attività formative di Aie, dal 2008 è l’occasione per fornire agli editori un momento di approfondimento con esperti internazionali sul tema dell’innovazione tecnologica in campo editoriale. Proprio con Editech si sono sperimentate negli anni diverse formule di aggiornamento professionale e quest’anno si è molto lavorato con la commissione digitale di AIE per proporre un incontro che fosse nuovo ed efficace, e che fornisse una reale occasione di confronto e di esperienza formativa.

Quest’anno si è proposto un format aperto a diversi tipi di professionalità, editori, ma anche service e sponsor. La due giorni si è tenuta presso H-Farm, incubatore italiano di start-up e culla dell’innovazione tecnologica made in Italy, dove siamo riusciti a instaurare gruppi di lavoro residenziali e operativi, fatti di workshop in cui il confronto con gli esperti internazionali sulle esigenze derivate dallo stato dei lavori in Italia si è alternato al dialogo tra pari.

La scelta del nuovo format è stata premiata. Il risultato? Una full immersion in un ambiente innovativo e intersettoriale che ha generato una risposta positiva da parte di tutti i partecipanti. A Editech quest’anno hanno preso parte 31 diverse aziende che operano nel settore editoriale, erano presenti tutti i grandi gruppi editoriali e una importante rappresentanza di quelli indipendenti.

Il pomeriggio del primo giorno hanno inaugurato la sessione plenaria Cristina Mussinelli, responsabile digitale dell’Aie, e Andrea Angiolini, presidente della commissione digitale, che hanno illustrato rapidamente l’organizzazione della due giorni. La parola è passata quindi a Bill McCoy, direttore dell’IDPF e della Readium Fondation, che ha aperto i lavori parlando dei sistemi di lettura per EPUB 3. Al suo, sono seguiti gli interventi di Marcus Gylling sul nuovo formato EDUPUB, di Hadrien Gardeur, fondatore di Feedbooks Francia, un rivenditore di e-book specializzato nella distribuzione per il mobile, che ha parlato di DRM e distribuzione digitale e infine di Colin Smythe, dell’IMS Global Learning Consortium, che ha tracciato le linee guida per una integrazione efficace dello standard EPUB 3 nei Learning management system.

Prevedendo due sessioni di approfondimento, una mattutina e una pomeridiana, ciascun partecipante, al momento dell’iscrizione, aveva scelto due tavoli a cui desiderava prender parte e, il giorno seguente, i lavori hanno preso il via. L’intensa giornata di lavoro si è conclusa nella sala principale, dove un volontario per ciascun tavolo ha condiviso, attraverso un pitch con slide, una sintesi del discorso portato avanti nel proprio tavolo. Di seguito vi proponiamo in sintesi gli argomenti affrontati dai gruppi di lavoro durante la due giorni di Editech raccolti grazie al contributo dei partecipanti Anna Lionetti, Gregorio Pellegrino ed Elena Vergine.

EPub 3 Reading System Solution

Il tavolo, guidato da Bill McCoy, ha raccolto le criticità e i desiderata degli editori rispetto al tema delle App e dei sistemi di lettura disponibili per ePub 3. Partendo dal presupposto che il formato ePub 3 con Html 5 è uno standard in

grado di offrire una serie di risposte alle problematiche in atto oggi nell’editoria digitale, esiste attualmente il problema della frammentarietà dei reading system e della loro ancora non completa possibilità di supportare tutte le potenzialità offerte dal linguaggio di produzione del file. Quindi si sono tracciate le caratteristiche che dovrebbe avere un Reading System in grado di soddisfare le esigenze degli editori del futuro: un modello open source che mette a disposizione, oltre alle Api, ai plug-in di sistema e a una galleria esemplare di widget, un Sdk starter kit per la creazione di multiapp partendo da un linguaggio condiviso; un modello accessibile a tutti, in grado di garantire un’alta usabilità all’utente, di coinvolgerlo attraverso l’utilizzo del social sharing, di garantirgli funzionalità evolute come la ricerca semantica per titoli e una gestione semplice dei Drm. Si sono inoltre analizzate le problematiche dell’integrazione di questo standard in continua evoluzione all’interno di sistemi di content management e di distribuzione preesistenti.

Using EPUB 3/EduPub within an LMS-Mediated Learning and Teaching Approach

Tra gli obiettivi del tavolo, i principali problemi da affrontare per integrare efficacemente lo standard ePub 3 nei LMS, con un particolare focus sugli standard tecnologici supportati da IMS Global Learning Consortium. Gli spunti emersi durante il brainstorming del gruppo coordinato da Colin Smythe di IMS hanno toccato diversi aspetti, partendo da un confronto delle diverse soluzioni disponibili sul mercato italiano. Se da un lato la pluralità dell’offerta è sinonimo di ricchezza culturale, dall’altro la frammentazione e la mancanza di standardizzazione dei processi e di interoperabilità degli strumenti ostacolano la fruizione dei prodotti. Nonostante la varietà di approcci da parte di ciascun editore, l’impressione comune è che «fare sistema» condividendo problemi e soluzioni sia la strada più plausibile per il bene del mercato.

Digital Distribution and DRM

L’esperto Hadrien Gardeur ha fatto il punto sui passaggi che portano l’editore dalla creazione del contenuto alla sua distribuzione attraverso i diversi canali di vendita con l’interoperabilità come obiettivo finale. Lo scopo del tavolo era discutere i principali aspetti della distribuzione digitale: dalle caratteristiche della distribuzione tra editori e retailers allo standard Onix, dai problemi concreti riscontrati da ciascun partecipante nel corso della propria esperienza alle principali problematiche del mercato italiano, per confrontare proposte e soluzioni e individuare i modelli di business adottati negli altri mercati. Si è parlato di definizione, caratteristiche e best practice d’uso degli standard ONIX e Opds sia rispetto alle necessità degli editori che a quelle degli utenti finali; si è discusso di biblioteche e licenze, analizzando i principali modelli di e-lending adottati all’estero come spunto per l’Italia; si è affrontato il tema dell’accessibilità, ovvero in che modo si può garantire agli utenti la flessibilità desiderata per l’utilizzo dei contenuti senza rischi per l’editore. Infine si è parlato di pirateria e di DRM. Con un occhio all’estero dove molti editori utilizzano sistemi di protezione dei loro contenuti diversificati a seconda dei generi e dei target di riferimento.

EPUB 3 and EDUPUB: State of the Art and Evolution

Il tavolo diretto da Marcus Gylling ha catalizzato la partecipazione di tutti quegli editori che si occupano di scolastica, editoria universitaria e libri per bambini, cioè di tutti coloro che hanno a che fare quotidianamente con impaginati molto complessi. EDUPUB è una declinazione dello standard EPUB 3 finalizzata alla produzione e alla distribuzione dei contenuti educativi, sviluppato dall’Idpf con l’obiettivo di adattare le funzionalità del formato EPUB 3 alle esigenze specifiche strutturali e semantiche dell’editoria scolastica. Sostanzialmente EDUPUB è un profilo di EPUB 3 che ha lo scopo di fornire soluzioni standard per editare e integrare le componenti interattive di un documento (mettendo a disposizione un packaging open source per i widgets), garantisce un’interoperabilità avanzata per la condivisione delle annotazioni attraverso le diverse piattaforme, permette molteplici versioni di uno stesso contenuto sulla base dei metadati ad esso associati e definisce modelli prevedibili di contenuto grazie al supporto di elementi semantici aggiuntivi quali dizionari, che potranno essere importati o integrati, e indici inserit all’interno di un network dinamico.

Production Tools: EPUB 3 e-book Creation

Condotto da due moderatori, entrambi italiani, Paolo Casarini de Il Mulino e Lina Gusso di Pearson Italia il tavolo, dopo una prima panoramica sui vari tool di authoring per ePub 3 disponibili sul mercato (InDesign, Inkling, Aquafadas, Atlas, PubCoder, ecc.) a altri «self-made» realizzati da Pearson Uk, è passato ad un’analisi dei workflow delle varie case editrici, nella maggior parte dei casi orientati ancora all’EPUB 2.

Si è ragionato sui desiderata voluti nei software di authoring: la richiesta di avere un tool di authoring EPUB 3 open source alternativo a InDesign e la proposta di organizzare incontri di confronto più frequenti per parlare con gli sviluppatori dei software e con altri colleghi delle problematiche che si hanno nella produzione di EPUB, sono state le due istanze emerse dal tavolo.

Metadata and Discoverability

Il lavoro di ricerca condotto da Graham Bell di EDItEUR ha individuato le aree di intervento principali per un uso corretto, efficace e redditizio dei metadati editoriali nei vari comparti produttivi della casa editrice. Innanzitutto, la creazione dei record bibliografici di metadati che descrivono e accompagnano libri ed e-book nella filiera commerciale digitale deve essere un processo dinamico di aggiornamento continuo, che parte in primis dall’editore per poi estendersi agli altri operatori della filiera; per questo occorre integrare (o designare) nel flusso di lavoro editoriale delle figure che siano in grado non tanto (o non solo) di usare gli strumenti tecnici a disposizione (per esempio lo standard di metadati ONIX for Books), ma che soprattutto conoscano il prodotto

e sappiano valorizzarne gli elementi di forza. L’analisi si è poi estesa a un altro strumento di crescente interesse per massimizzare il valore dei metadati nel Web: schema.org, un metalinguaggio di marcatura che consente di ottimizzare la ricercabilità dei contenuti presenti nelle pagine HTML. 

This article was originally published on «Giornale della Libreria», December 2014